about
logs



Matteo Salval \ View of Venice, Jacopo de'Barbari


L'abilitazione professionale per Architetti è stata per me una grandissima sorpresa. Io non avevo la minima idea che gli sbarramenti fossero così severi e che le conoscenze richieste in sede di esame (sia per la prima prova pratica che per l'orale) non avessero quasi nulla a che vedere con quello che si studia durante il percorso formativo. Quindi per chi deve affrontare l'Esame di Stato, il primo consiglio è di rimettersi sui libri.

Prima Prova Pratica

Sono otto ore. E sono POCHISSIME. L'unico modo di preparasi alla prima prova è di fare delle simulazioni, a casa, scaricando dai siti dei vari atenei le prove uscite gli anni precedenti. Per quanto riguarda il residenziale, le tipologie sono sempre le stesse ed è saggio impararsi a memoria le piante (in tutto meno di una decina) che possono servire. Questo per evitare che succedano cose che ho sentito criticare in sede di orale ("questo bagno si apre su uno spazio abitabile", "questa stanza è inarredabile"...). Per quanto riguarda il tema urbanistico è fondamentale sapere la normativa come le proprie tasche: le leggi sono sempre le stesse da sapere - gli standards, modificati anche in sede regionale, le distanze, le densità e i parcheggi sono le fondamentali.
La pianificazione del tempo: otto ore VOLANO, mentre si aspetta la consegna dei temi si può squadrare la tavola ed inserire i propri dati sui vari fogli. Datevi un piano meticoloso e rispettatelo a tutti i costi. In generale entro la prima ora e mezza l'impianto generale dovrebbe essere definito (maglia strutturale, scale, tramezzi organizzazione esterna...).

Seconda Prova Scritta

Qui non c'é verso: Temi generali dell'Architettura e della sua Storia. O si sanno o no. È comunque la parte, secondo me, più semplice dell'esame.

Prova Orale

La prova orale verte sulla prova pratica, sulle pratiche in cantiere ecc. Ecco una lista di alcune domande fatte a Venezia a Marzo 2011:

Che cosa sono gli abitanti teorici?

Che distanza deve esserci tra pareti finestrate di due edifici?

Che cos'è l'Indice Fondiario? E l'Indice Territoriale?

Misura minima di un pilastro.

Che Elaborati bisogna produrre per un Permesso di Costruire? E per un Piano di Lottizazione?

Che controlli si fanno sul calcestruzzo in cantiere? E sull'acciaio?

Superficie Coperta e SLP.

Misure di Salvaguardia. Cosa sono?

Chi è e che cosa fa il Direttore dei Lavori

Livelli di Pianificazione, quali conosce?

Conflitto di Interessi e concetto di Riservatezza, cosa sono?

SAL. Cos'è?

Quanto è spesso un muro a tre teste.

Risorse

Nuovissimo Manuale dell'Architetto - Zevi / Da usare se lo si conosce bene, in sede di esame. Ottimo strumento per lo studio in preparazione delle prove.

Neufert / Secondo me è il più pratico per l'esame (non dispersivo)

Guida Pratica all'Esame di Stato - Maggioli Editore / Questo è l'Industry Standard per l'esame di abilitazione. Come molti libri della Maggioli, l'organizzazione del libro manca di una logica forte e l'italiano è troppo spesso incomprensibilmente complicato. Va detto che la parte contenente le tavole d'esame prodotte in passate sessioni ed il manuale allegato sono utili e meglio organizzate. Eviterei di comprare la parte con la copertina rigida: troppe nozioni inutili (ad esempio la parte sulla storia della normativa urbanistica in Italia, troppo lunga e male organizzata)

Wiki di Professione Architetto / Ottima serie di domande

In conclusione: l'Abilitazione Professionale per Architetti, NON è, purtroppo, un esame standardizzato: le commissioni sono molto diverse tra di loro così come le sessioni d'esame. Quindi bisogna armarsi di tanta pazienza e provare le simulazioni a casa.